La modalità scura nei siti web: moda o esperienza utente?
Categorie
Blog Comunicazione Siti Web & E-Commerce

La modalità scura nei siti web: moda o esperienza utente?

La Dark Mode o semplicemente “modalità scura” è una tendenza di Web Design che prevede la progettazione di un’applicazione o di un sito web utilizzando una palette di colori scuri.

Anche se può sembrare una novità, non lo è. Questa “tendenza” risale proprio agli albori dei personal computer dove la modalità oscura non era una questione di scelta, ma un dato di fatto. I primi CRT (tubi catodici) funzionavano proprio così.

Negli anni vennero introdotti i CRT che mostravano più colori oltre al bianco. L’idea di rendere il documento virtuale simile a un foglio di carta fisico divenne sempre più popolare. È qui che iniziò l’uso del dark-on-white come tendenza del design.

Oggi giorno le pagine web sono tipicamente progettate in questo modo, anche se negli ultimi anni l’ergonomia dei computer e degli smartphone (sempre più piccoli e di facile trasporto) ha permesso di cambiare le abitudini dell’utente e di ampliare i loro utilizzi, anche in orari serali e spesso lontani da fonti luminose.

Con il tempo quindi i giganti tech, sempre al passo con l’innovazione, hanno pensato di sviluppare questa nuova funzionalità da integrare nei rispettivi device e applicazioni. Ed è così che nel 2019 con l’aggiornamento per iOS 12 di Apple, la dark mode è tornata alla ribalta.

Nello stesso anno, Google ha successivamente lanciato la modalità oscura con il rilascio di Android 10. A seguire anche app come Gmail, Slack, Soundcloud, Twitter, Instagram, Facebook hanno seguito l’esempio.

Trascinati da questa nuova tendenza dapprima diffusa nelle applicazioni mobile, piano piano si è fatta strada anche nelle interfacce dei siti web. Questo grazie alla sua incredibile popolarità riscontrata nell’ultimo periodo.

Ma come spesso accade quando si parla di novità anche la Dark Mode si è portata con sé reazioni più o meno positive. C’è chi la giudica soltanto come una moda e chi cerca di coglierne gli aspetti utili, soprattutto per l’esperienza utente.

Apple nella documentazione per gli sviluppatori scrive esplicitamente: “La scelta se abilitare un aspetto chiaro o scuro è estetica per la maggior parte degli utenti e potrebbe non essere correlata alle condizioni di illuminazione ambientale”.

Oltre ad una questione “estetica” ci sono anche persone che dalla modalità scura traggono un beneficio in termini di prestazioni ed accessibilità (come ad esempio gli utenti con problemi di vista). Basti pensare che utilizzare la modalità scura porta a questi benefici:

  1. Riduzione dell’affaticamento degli occhi. Fissiamo gli schermi per la maggior parte della giornata e questo può portare a stanchezza, dolore agli occhi, visione offuscata, mal di testa e altro ancora. Passare alla modalità scura può aiutare a ridurre questi effetti.
  • Aumento della visibilità in condizioni di scarsa illuminazione. Riducendo la luce blu intensa tipica degli schermi luminosi, passare ad una modalità scura rende più facile vedere in situazioni di scarsa illuminazione, come a tarda notte o al mattino presto.
  • Migliora la durata della batteria di un dispositivo. I colori scuri è noto che consumano meno dei colori chiari, ma di recente Google ha dimostrato con una certa precisione QUANTO i colori visualizzati su un display OLED incidono sul consumo di energia.

Un esempio ben riuscito di dark mode è senza dubbio il sito Web della Casa Bianca. Oltre ad aver riprodotto i principi e le best practices della modalità scura, si sono concentrati anche sulla personalizzazione da parte dell’utente del contrasto e della dimensione del font. In questo caso è evidente che il restyling sia stato costruito puntando sull’esperienza utente e sull’accessibilità.

Dark Mode Foto 1 1
Uno screenshot della home page del sito https://www.whitehouse.gov/

Creare una modalità scura non è semplicemente “passare dal bianco al nero”. Quando si integra questa funzionalità è necessario considerare più aspetti. A chi ti stai rivolgendo? Cosa vuoi comunicare?

Le aziende con una versione dark del loro sito Web ce l’hanno per un motivo. Hanno dedicato tempo e sforzi per creare un’esperienza alternativa che includa tutti i loro utenti e le loro preferenze.

Pur non essendo ad oggi uno standard definito di accessibilità, i benefici riscontrati da alcune categorie di utenti sono sicuramente un aspetto da tenere in considerazione durante la progettazione di un sito web o app.

Mettersi al passo con i tempi a volte è necessario, anticiparli fa la differenza.