SEO Copywriting: cos’è e perché è importante?
Categorie
Blog Comunicazione Digital Strategy Siti Web & E-Commerce

SEO Copywriting: cos’è e perché è importante?

Quando si parla di SEO Copywriting ci riferiamo a un insieme di strategie e tecniche molto importanti. Non è un mistero, infatti, che realizzare testi piacevoli e utili per gli utenti e allo stesso tempo ottimizzati per i motori di ricerca, sia un elemento chiave per riuscire spiccare nella marea di informazioni che popolano il web.

L’obiettivo del SEO Copywriting è realizzare dei testi capaci di fornire la migliore risposta alle domande poste dagli utenti sui motori di ricerca. Perché è vero che “content is king”, ma è importante come lo diciamo. I testi che creiamo per i nostri siti vengono scansionati e indicizzati dai motori di ricerca, che li organizzano per far sì che gli utenti abbiano un’esperienza fluida e soddisfacente, ovvero che riescano a trovare ciò che cercano.

Quali regole seguire per una strategia di SEO Copywriting vincente? Eccone di seguito alcune, semplici e chiare per non deludere i motori di ricerca.

Le Keyword

Chi scrive, e fa SEO Copywriting, deve innanzitutto chiedersi quale sia la parola chiave che meglio delinea quell’argomento. Scegliere quelle giuste è alla base di una strategia SEO vincente. È utile chiedersi quale sia lo scopo della pagina che si sta creando e scegliere di conseguenza una parola chiave che ne racchiuda il senso. È importante poi usare sinonimi e termini correlati, stando attenti però realizzare un testo poco scorrevole.

Tanto più la parola chiave sarà generica, quanto più avremo un traffico maggiore ma potenzialmente meno qualificato. Scegliendo invece parole chiave con volumi di ricerca medi mensili inferiori (la cosiddetta coda lunga), penalizzeremo in parte il traffico ma potremo essere più precisi e intercettare utenti più qualificati (che realmente stanno cercando il contenuto in questione). Trovare un equilibrio tra questi due estremi non è semplice e non esiste una ricetta valida per ogni situazione. Come sempre, a seconda dell’obiettivo, cambia la strategia messa in atto per raggiungerlo.

Quali strumenti utilizzare per realizzare uno studio keyword? SEMRush, SEOZoom, il Keyword Planner di Google Ads, la Google Search Console e molti altri a pagamento e non.

Il setting e le tecniche di SEO Copywriting

All’inizio è importante concentrarsi sulla struttura del testo, in particolare:

  • Sul titolo. Il titolo è la prima impressione, l’invito a continuare la lettura. Se sarà chiaro e coinvolgente avremo maggiori probabilità che l’utente inizi a leggere e spenda del tempo per il nostro contenuto. Viceversa, avremo perso un’importante opportunità! Ecco come impostarlo al meglio:
    • Lunghezza ideale: 55-60 caratteri.
    • Includi la tua parola chiave target!
    • Il messaggio del tuo titolo deve essere coerente con il contenuto del testo. Altrimenti è probabile che gli utenti abbandoneranno subito la pagina cui quel titolo fa riferimento.
  • Evita la ripetizione eccessiva delle parole chiave. Google potrebbe identificare questa pratica come keyword stuffing e penalizzare il ranking di quella pagina.
  • Sulla meta-description. Questa descrizione è una sorta di preview della pagina, che appare nei motori di ricerca appena sotto il titolo. Deve essere coerente con il contenuto che presenta e, come il titolo, accattivante e coinvolgente.
  • Sul testo. Il testo che abbiamo realizzato utilizzando le keyword scelte deve essere organizzato in paragrafi e sotto-paragrafi. Affinché la suddivisione sia efficace, ognuno di essi deve parlare di uno specifico argomento o concetto. Questo perché in tal modo, il lettore potrà recepire gli elementi essenziali del contenuto e assimilare con facilità i concetti espressi.

Altri consigli utili per rendere il testo chiaro e leggibile: utilizza elenchi puntati e numerati, utilizza frasi brevi, semplifica il tuo vocabolario, evita ripetizioni.

  • Sui link a risorse rilevanti fuori dal sito e dentro al sito. Ogni volta che si vuol far crescere la fiducia sul ciò che affermiamo è buona pratica linkare fonti esterne autorevoli. Linkando invece pagine e contenuti all’interno del sito, è possibile guidare l’utente lungo il suo customer journey.
  • Last but not least: identifica l’intento di ricerca del tuo utente. Qual è l’intento che muove un utente a effettuare una determinata ricerca? Possono essere generalmente 3:
    • Intento informativo. Gli utenti effettuano una ricerca per saperne di più su un determinato argomento.
    • Intento navigazionale. L’utente vuole approfondire un prodotto/servizio.
    • Intento commerciale. È esplicito l’intento di acquistare un certo prodotto/servizio.

A seconda del momento in cui ci rivolgiamo all’utente, cambia anche il contenuto del testo e il modo in cui viene scritto.

In conclusione, l’obiettivo del SEO Copywriting altro non è che ottenere un buon ranking sui motori di ricerca e allo stesso tempo ottenere un testo che coinvolge (e convince) gli utenti.

Quali sono i segnali di che una strategia di SEO Copywriting sta funzionando?

  • Il posizionamento nella SERP è migliorato.
  • Si registra un aumento della qualità del traffico (utenti qualificati).
  • Aumento del coinvolgimento e della fiducia degli utenti.
  • Si registra un aumento delle conversioni sul sito.

E voi, siete pronti a mettere in atto tutti i consigli e migliorare la vostra scrittura per il web?

Fonti: Semrush